Come scegliere l’artigiano ideale?

È molto difficile capire quale sia l’artigiano ideale per ciò che si ha intenzione di fare. Come fare a valutare la bontà del professionista dell’edilizia a cui ci si sta rivolgendo?

Per evitare brutte sorprese fai sempre queste domande di verifica


?

L’impresa ha il durc?
Il DURC, documento unico di regolarità contributiva, è l'attestazione dell'assolvimento, da parte dell'impresa, degli obblighi legislativi e contrattuali nei confronti di INPS, INAIL e Cassa Edile. Ci dà già un’idea sulla solidità e serietà dell’impresa. Un’azienda sana ha consolidati rapporti commerciali sul territorio che permettono il regolare svolgimento dei lavori.

?

L’impresa ha storicità?
È importante, anche se non fondamentale, poter constatare lavori precedentemente svolti dall’impresa.

?

L’impresa vi informa sulla tipologia di materiale che intende utilizzare?
È importante conoscere la tipologia di materiale e attrezzatura utilizzata per i Vs lavori. Materiali e attrezzature di qualità favoriscono la buona riuscita dei lavori e ne aumentano la durata nel tempo.

?

L’impresa fornisce schemi di posa?
Nella fase di rifinitura è importante che il posatore abbia ben chiaro come posare ceramiche o elementi di decoro, mobili o sanitari. Tali indicazioni vengono fornite attraverso gli schemi di posa. In loro assenza la probabilità di errore è più alta.

?

L’impresa fornisce rendering di come verrà realizzata l’opera?
Soprattutto per quanto concerne le finiture interne è utile aver presente una simulazione del lavoro finito. Tanto più è dettagliata tanto più facile è scegliere materiali e disposizione degli arredi (fase di progettazione).

?

L’impresa vi supporta nel realizzare i documenti necessari per ottenere gli sgravi fiscali?
Imprese più strutturate hanno la possibilità di consigliarvi e farVi da supporto nel capire in che modo ottenere sgravi fiscali e detrazioni.

?

L’impresa ha mezzi propri per il carico del materiale?
Non è un aspetto fondamentale in quanto l’impresa potrebbe avere partner forti che le procurano in cantiere i materiali di cui necessitano. Sicuramente l’impresa che ha mezzi propri è però più autonoma.